NEWS

Etichette 'intelligenti' per monitorare cibi e ambiente

Etichette ‘intelligenti’ da utilizzare nei supermercati del futuro per  controllare lo stato di conservazione dei cibi grazie a sensori chimici di temperatura e umidità. Applicate, ad esempio, su una confezione di surgelati possono trasmettere informazioni su eventuali anomalie attraverso una semplice app installata sul telefonino di chi va a fare la spesa. Non si tratta di fantascienza, ma di elettronica organica, una delle piattaforme più avanzate di sperimentazione di nuovi materiali, sviluppata presso il Centro ENEA di Portici, noto anche per la ricerca sul fotovoltaico innovativo, i nasi elettronici e il supercalcolatore ‘Cresco’.

Vai alla pagina dedicata sul sito ENEA

Scarica la rassegna stampa in formato PDF

Guarda il video su youtube

 

Una nuova ricerca analizza l'uso delle nanotecnologie per migliorare la somministrazione di farmaci per pazienti affetti da HIV

Una nuova ricerca, condotta dall'Università di Liverpool, ha lo scopo di migliorare la somministrazione e la disponibilità dei principi attivi nelle terapie farmacologiche per i pazienti affetti da HIV attraverso l'uso delle nanotecnologie. Lo studio condotto dal programma di ricerca collaborativa di nanomedicina, guidato dal Farmacologo professor Andrew Owen e dal professore di Chimica dei Materiali Steve Rannard, ha esaminato l'uso delle nanotecnologie per migliorare la somministrazione di farmaci per pazienti affetti da HIV. La nanotecnologia è la manipolazione della materia su scala atomica, molecolare e supramolecolare. La nanomedicina è l'applicazione delle nanotecnologie per la prevenzione e il trattamento delle malattie del corpo umano. Questa disciplina in evoluzione ha il potenziale per cambiare radicalmente la scienza medica e sta già avendo un impatto in una serie di terapie e diagnostiche cliniche utilizzate in tutto il mondo.

Per maggiori informazioni:
http://www.news-medical.net/news/20161021/New-research-examines-use-of-nanotechnology-to-improve-delivery-of-drugs-to-HIV-patients.aspx

 

La tecnologia RFID dovrebbe ridurre del 25% i bagagli smarriti

Delta sta implementando un nuovo sistema di gestione bagagli per 50 milioni di dollari basato sulla tecnologia di identificazione a radiofrequenza (RFID) che dovrebbe ridurre del 25% il numero di bagagli smarriti e mal gestiti dalla compagnia aerea. All'inizio di quest'anno, Delta ha iniziato la conversione dal vecchio standard del settore - monitoraggio borse tramite scanner di codici a barre ottiche - a un sistema in cui le borse sono monitorate e identificate tramite frequenze radio. Una volta che il sistema sarà completamente installato, Delta farà un uso di tecnologia di monitoraggio RFID più ampio di qualsiasi compagnia aerea al mondo, secondo Camilli-Gay. La tecnologia in sé stessa non è nuova. L’aeroporto Internazionale McCarran di Las Vegas, per esempio, ha utilizzato le frequenze radio per monitorare tutti i bagagli che gestisce già dal 2005. E la compagnia aerea australiana Qantas ha iniziato a utilizzare RFID per il monitoraggio dei bagagli per i viaggiatori abituali all'interno della sua rete nazionale nel 2010. Coloro ai quali sono state controllate borse a Las Vegas negli ultimi dieci anni o su alcuni voli Delta quest'anno, potrebbero essere stati ignari della presenza del sistema di monitoraggio RFID, in gran parte perché le etichette sembrano simili a quelle utilizzate nel sistema standard di codici a barre. Ciò che i passeggeri non possono vedere è che all'interno di ogni etichetta RFID vi è un piccolo chip incorporato e un’antenna radio.

Per maggiori informazioni:
http://www.travelweekly.com/Travel-News/Airline-News/RFID-technology-expected-to-reduce-lost-baggage-by-25-percent

 

Sistema di stampa a getto d'inchiostro assume il primato nel Film Sottile di Incapsulamento OLED

Kateeva, leader nella produzione di apparecchiature OLED, ha riferito che il suo sistema YIELDjet™ FLEX ha guadagnato un notevole vantaggio nella fase chiave di deposizione dello strato organico nel mercato degli OLED e dell’incapsulamento del film sottile (Thin Film Encapsulation - TFE). Da quando la nuova soluzione di stampa a getto d'inchiostro ha debuttato in produzione nel 2014, l'azienda ha ottenuto la maggior parte degli ordini TFE disponibili. I clienti comprendono i maggiori produttori di schermi piatti di tutto il mondo situati in tre regioni chiave dell’Asia. Il TFE è una fase cruciale nel processo di produzione dell’OLED flessibile. Dà sottigliezza e flessibilità al dispositivo OLED, e contribuisce a ridurre i costi complessivi di produzione. Con l’utilizzo della tecnica TFE, gli OLED stanno rivoluzionando il settore dell'elettronica di consumo, consentendo di realizzare nuovi prodotti di telefonia mobile che sono flessibili, pieghevoli e persino avvolgibili. Il Sistema YIELDjet FLEX di Kateeva ha contribuito a catalizzare la transizione verso la nuova tecnologia di schermo risolvendo le sfide tecniche chiave che precedentemente hanno fatto della produzione di massa degli OLED con TFE, tra cui gli OLED flessibili, una produzione non fattibile economicamente.

Per maggiori informazioni:
http://www.printedelectronicsworld.com/articles/10000/inkjet-printing-system-takes-lead-in-oled-thin-film-encapsulation

 

Nuove scoperte della ricerca sulla perovskite possono portare a progressi a celle solari e ai LED

Le perovskiti sono composti semiconduttori otticamente attivi noti per mostrare interessanti proprietà elettroniche, chimiche e di emissione della luce. Nel corso degli ultimi anni, le perovskiti di alogenuro di piombo sono diventate uno dei più promettenti semiconduttori per le celle solari grazie al loro basso costo, alla facile lavorabilità e alle alte efficienze di conversione di potenza. Il fotovoltaico fatto di questi materiali ora raggiunge efficienze di conversione di potenza di oltre il 20 percento. La ricerca di Vela, un professore associato di chimica alla Iowa State University (ISU), si è concentrata sulla perovskite fatta di un misto di alogenuri. Gli alogenuri sono semplici e abbondanti, caricati negativamente, come lo ioduro, bromuro e cloruro. Le perovskiti miste a ioduri sono di maggiore interesse rispetto alle perovskiti fatte di singoli alogenuri per una serie di motivi.

Le perovskiti miste sembrano beneficiare di una maggiore stabilità termica e all’umidità, che li degrada meno rapidamente rispetto alle perovskiti singole, ha affermato Vela. Ha aggiunto che possono essere messe a punto per assorbire la luce solare a lunghezze d'onda specifiche, che li rende utili per le celle solari tandem e molte altre applicazioni, tra cui i diodi emettitori di luce (LED). Usando questi composti, gli scienziati possono controllare il colore e l'efficienza di tali dispositivi di conversione di energia.

Per maggiori informazioni:
https://www.sciencedaily.com/releases/2016/09/160907113651.htm

 

Monitoraggio dell’allevamento ittico in Vietnam grazie al controllo della qualità dell’acqua in stagni e vasche

Il Vietnam è uno dei principali produttori ed esportatori di pesce al mondo. La sua produzione annuale di pesce è approssimativamente di 5.699.250 tonnellate, che fa presumere un valore delle esportazioni di 1,7 miliardi di dollari. I principali mercati per la sua produzione sono Europa, Stati Uniti, Messico e Cina. L’Unione Europea ha già messo in guardia i grossisti stabilendo misure di controllo più severe sulla qualità del pesce e sulle condizioni di allevamento. PHA Distribution, uno dei principali distributori IoT & ICT sul mercato del Vietnam, ha sviluppato una rete di sensori wireless in un allevamento di pesce vietnamita nel distretto di Than Bình, nella provincia di Dong Thap, vicino al fiume Mekong, con la piattaforma di sensore “Waspmote Plug & Sense” di Libelium”. Lo scopo del progetto è di monitorare in tempo reale diversi parametri per controllare la qualità dell’acqua e prevenire alcune malattie che potrebbero colpire i pesci al fine di migliorare la qualità e la quantità della produzione.

Per maggiori informazioni:
http://www.libelium.com/fish-farm-monitoring-in-vietnam-by-controlling-water-quality-in-ponds-and-tanks/?utm_source=NewsletterLB&utm_medium=Email&utm_campaign=NLB-290816

 

Altri articoli...

Based on JoomlaShine JSN Metro template - Web Development: Renato Gottscher / FORMIT